Oscar: annunciata una nuova categoria e la data della 92esima edizione!

Oscar

La Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha rivelato che ci saranno dei cambiamenti per quanto riguarda la cerimonia degli Oscar, annunciando anche la data dei 92esimi Academy Awards.

Ieri è stato annunciato che la data in cui si terranno i 92esimi Oscar è stata anticipata quasi di un mese. Inizialmente infatti si sarebbero dovuti tenere il 23 febbraio. Ma i 92esimi Academy Awards si terranno il 4 febbraio 2020, mentre la cerimonia della 91esima edizione si terrà il 24 febbraio 2019.

LEGGI ANCHE: A Star Is Born: il film con Bradley Cooper e Lady Gaga in anteprima mondiale alla 75a Mostra del Cinema di Venezia

Ma non solo, la Academy, ha deciso che, a partire proprio dall’imminente edizione degli Oscar, sarà premiata una nuova categoria. Si tratta del premio al film più popolare, ma ancora non sono stati rivelati né i requisiti che possono consentire di aggiudicarsi una nomination, né il nome della categoria! Inoltre, le pellicole nominate in questa categoria, potranno comunque concorrere a miglior film.

Terzo punto: i membri dell’Academy hanno deciso di voler rendere più accessibile ad un pubblico globale la cerimonia. Per fare ciò hanno intenzione di ridurre la durata della cerimonia dalle circa 4 ore, a 3. Non che sia un grandissimo cambiamento, perché ora più, ora meno non fa molta differenza.

Ma se avremo più categorie e meno tempo di messa in onda, come sarà la cerimonia?

Molto semplicemente saranno premiate alcune categorie durante le pubblicità, per poi mostrarne i momenti salienti durante lo show. Si presume quindi che queste saranno le categorie “minori”, mentre quelle considerate portanti continueranno ad essere mostrate in diretta.

La Academy of Motion Picture Arts and Sciences, di cui John Bailey è presidente, è composta per la maggior parte da uomini anziani bianchi. Per questo si è cercato di diversificarne i membri, cercando di raddoppiare il numero delle donne e dei membri rappresentati delle minoranze entro il 2020. Durante il 2018 infatti l’organizzazione ha invitato più di 900 nuovi membri, il cui 49% erano donne e il 38% persone di colore.

LEGGI ANCHE: Venezia ’75: Guillermo Del Toro, Naomi Watts, Christoph Waltz e Taika Waititi nella giuria

Quest ultimo punto è presumibilmente dovuto anche a proteste come #OscarsSoWhite e #TimesUp e #MeToo. Il primo movimento è iniziato nel 2015 per reclamare un maggior riconoscimento per gli attori, produttori, ecc. di colore. Nati tra il 2017 e il 2018, gli altri due hashtag hanno come scopo principale di ergersi a sostegno delle vittime di abusi sessuali, battendosi anche per i diritti delle donne.  Anche queste problematiche sociali, molto sentite in tutto il mondo, potrebbero aver dettato la scelta dell’Academy, nel tentativo di attirare nuovi spettatori.

Seguici su C’era una volta Hollywood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *