Guardiani della Galassia 3: la lettera aperta del cast a sostegno di James Gunn!

James Gunn Guardiani della Galassia

A pochi mesi dal via alle riprese, la Disney ha licenziato il regista James Gunn da Guardiani della Galassia Vol. 3; il cast ha pubblicato una lettera aperta per sostenere il suo reintegro nel progetto. 

James Gunn è stato recentemente licenziato come regista del terzo capitolo di Guardiani della Galassia. Il suo licenziamento è stato motivato da alcuni suoi vecchi tweet, riguardanti temi come la pedofilia e l’11 settembre. La decisione della Disney/Marvel ha sollevato un vero e proprio polverone. In molti infatti hanno mostrato il loro sostegno a James Gunn, ritenendo il licenziamento ingiusto.

Gunn aveva già infatti affrontato le conseguenze dei suoi tweet 6 anni fa, per i quali si era anche scusato. Ma questi post sono riemersi, e il suo licenziamento è stato immediato. Anche il cast di Guardiani della Galassia si è dichiarato a sostegno di Gunn, pubblicando una lettera aperta da loro firmata.

LEGGI ANCHE: Captain Marvel: nel cast Annette Bening, candidata quattro volte all’Oscar!

La lettera è stata firmata dal cast principale: Chris Pratt,  Zoe Saldana, Dave Bautista, Karen Gillan, Bradley Cooper,  Sean Gunn, Vin Diesel, Pom Klementieff e Michael Rooker. Sono questi i nomi degli attori che hanno appaiono nel post.

Bautista, Pratt e altri membri si erano già espressi a favore di James Gunn, ma questa lettera si è rivelata essere una dichiarazione molto più completa.

Nella prima parte si sono espressi in particolar modo sul loro amico e collega Gunn.

“Ai nostri fan ed amici:

Noi supportiamo completamente James Gunn. Siamo rimasti tutti scioccati da questo improvviso licenziamento della scorsa settimana e abbiamo intenzionalmente aspettato questi dieci giorni per rispondere, affinché avessimo il tempo di pensare, pregare, ascoltare e discutere.

quel momento siamo stati incoraggiati dalla dimostrazione di supporto da parte dei fan e dei media, che desiderano vedere James reintegrato come direttore del terzo volume, così come desiderano scoraggiare coloro che sono stati facilmente stati portati a credere alle bizzarre teorie di cospirazione che lo riguardano.

Aver fatto parte dei film Guardiani della Galassia è stato un grande onore per tutti noi. Non possiamo lasciar passare questa situazione senza esprimere il nostro amore, supporto e gratitudine per James. Non vogliamo difendere le sue battute di molti anni fa, piuttosto vogliamo condividere la nostra esperienza dopo aver trascorso molti anni insieme sul set per realizzare Guardiani della Galassia 1 e 2.

Il carattere che ha mostrato in seguito al suo licenziamento è coerente con l’uomo che era ogni giorno sul set, e le sue scuse, di adesso e di alcuni anni fa quando per la prima volta vennero fatte queste osservazioni, crediamo vengano dal suo cuore, un cuore che tutti noi conosciamo, di cui ci fidiamo e amiamo.

Scegliendoci come interpreti per aiutarlo a raccontare la storia di reietti che trovano un riscatto,  ha cambiato per sempre le nostre vite. Crediamo che il tema della redenzione non sia mai stato più rilevante di adesso.

Ognuno di noi non vede l’ora di lavorare ancora con il nostro amico James Gunn in futuro. La sua storia non è

ancora finita, neanche per sogno.”

LEGGI ANCHE: Mell Gibson e Colin Farrell saranno i protagonisti del thriller “War Pigs

Nell seconda parte hanno invece fatto un discorso generale sulla situazione.

“C’è un piccolo processo equo nella corte dell’opinione pubblica. Molto probabilmente James non è l’ultima persona buona ad essere messa sotto processo. Dato il crescente divario politico di questo paese, possiamo dire che casi come questi continueranno, sebbene speriamo che gli americani di tutti i partiti possano alleviare la diffamazione dei personaggi pubblici e smettere di  aizzare la folla infuriata.

è nostra speranza che ciò che è emerso possa servire come esempio per tutti noi per farci realizzare dell’enorme responsabilità che abbiamo verso noi stessi e verso gli altri, nell’uso delle parole, in particolare quando le diffondiamo nel mondo digitale; che noi, come una società, possiamo imparare da questa esperienza e nel futuro pensarci due volte prima di decidere ciò che vogliamo esprimere; e così imparare forse che  si può sfruttare questa  competenza per aiutare e sanare invece di ferirci l’un l’altro.

Grazie a voi per aver preso il tempo per leggere le nostre parole.

I Guardiani della Galassia.”

Seguici su C’era una volta Hollywood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *