Shonda Rhimes: 8 nuovi show per la creatrice di Grey’s Anatomy!

Shonda Rhimes

Shonda Rhimes? Non si arresta. Il nuovo contratto stilato da poco con Netflix le permetterà di lavorare a ben otto show nuovi di zecca!

Dopo una lunga collaborazione con la ABC, anche il colosso della televisione Shonda Rhimes – con la sua Shondaland ovviamente- hanno ceduto al fascino di Netflix. La Rhimes si è infatti insediata da poco nei nuovi uffici, e già sono state annunciate le serie che produrrà con il servizio streaming.

“Volevo che la nuova Shondaland fosse un luogo in cui avremmo ampliato i generi delle storie che raccontiamo, dove i miei talentuosi colleghi potessero crescere e fare il meglio e dove come un team arriviamo in ufficio pieni di entusiasmo. Ted e Cindy e tutti gli altri di Netflix sono stati incredibili. Questa è Shondaland 2.0″ ha dichiarato la Rhimes riguardo la nuova collaborazione.

LEGGI ANCHE: The Crown: la prima foto di Helena Bonham Carter nei panni di Margaret!

I progetti a cui sarebbe lavorando sono (i titoli sono provvisori/in fase di elaborazione):

Untitled Shonda Rhimes Project

Basato sull’articolo How Anna Delvey Tricked New York’s Party People di Jessica Pressler. Manhattan si fa un amico diverso dagli altri. Ma è ciò che rappresenta il sogno americano o è la più abile truffatrice di New York?

Shonda Rhimes creerà la serie.

Untitled Bridgerton Project

Basato sulla serie best seller di Julia Quinn, questa visione femminista sul romanzo della Reggenza inglese, svela le splendenti,  agiate, sessuali, dolorose, divertenti e a volte solitarie vite delle donne e degli uomini nel matrimonio dell’alta società inglese, raccontata dal punto di vista della famiglia Bridgerton.

Chris Van Dusen adatterà e sarà lo showrunner della serie.

The Warmth of Other Suns

Basato sull’omonimo libro di Isabel Wilkerson, questa rivoluzionaria serie segue gli anni di migrazione degli Afro-Americani in fuga dal Sud America, dove vigevano le leggi anti-razziali di Jim Crow, in cerca di una vita migliore al Nord fra il 1916 e il 1970.

Anna Deavere Smith adatterà il libro alla serie.

Pico & Sepulveda

Ambientato intorno al 1840  nel surreale e sensuale (ex) stato messicano della California, la serie dipinge un’era idilliaca che minaccia di essere spezzata dalle forze americane che intendono valicare i confini e reclamare lo stato californiano.

Janet Leahy creerà la serie.

LEGGI ANCHE: American Horror Story 8: rivelato finalmente il titolo!

Reset: My Fight for Inclusion and Lasting Change

Netflix e Shondaland hanno acquistato i diritti per l’autobiografia di Ellen Pao, in cui narra dettagliatamente la sua vita e la sua carriera, includendo anche la causa legale che l’ha portata a confrontarsi con il suo ex capo che ha suscitato l’interesse dei media, ha sconvolto l’intera Silicon Valley ed ha gettato le basi per il movimento Time’s Up.

The Residence

Netflix e Shondaland hanno acquistato anche i diritti di The Residence: Inside the Private World of the White House di Kate Andersen Brower, che offre un’accurata descrizione dall’interno della Casa Bianca, mostrando come si intrecciano le vite dello staff e quella del presidente americano.

Sunshine Scouts

In questa serie comica, un apocalittico disastro risparmia uno sgangherato gruppo di ragazze adolescenti che si trovano in un campo estivo e si trovano costrette a farsi coraggio e ad utilizzare al meglio le loro capacità di sopravvivenza per assicurarsi che l’umanità rimasta in vita si attenda alla Legge dei Sunshine Scout.

Jill Alexander (Co-EP) creerà la serie.

Hot Chocolate Nutcracker

Questo documentario offre uno sguardo al dietro alle quinte del classico balletto, lo Schiaccianoci della Debbie Allen Dance Academy. Questo spettacolo, con il suo cast variegato e i diversi stili di danza, ha assicurato alla Debbie Allen un posto fra le migliori accademie di danza.

Oliver Bokelberg sarà regista e produttore della serie.

Gli argomenti sono vari, ce n’è per tutti i gusti! A voi quale progetto ispira di più? Shonda riuscirà, dopo tutti questi anni, a mantenere la qualità del suo lavoro?

Seguici su C’era una volta Hollywood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *