Charlize Theron confessa: “Ho dovuto prendere 22 kg: non è stato facile.”

Charlize Theron

Le trasformazioni fisiche sono ormai parte integrante del lavoro di attore, come ne hanno dato prova molti interpreti, tra cui Christian Bale, Matthew McCounaugh. Anche l’attrice sudafricana Charlize Theron ha dovuto affrontare un cambiamento estremo per realizzare un film.

Charlize Theron è solo una dei tanti artisti dell’industria cinematografica che si sono visti costretti a trasformare il proprio corpo per poter interpretare un ruolo loro assegnato. Non è la prima volta che l’attrice sudafricana si sottopone a un’estrema trasformazione: nel 2003 era dovuta ingrassare di circa 14 kg per il suo ruolo in Monster. Quello di Theron è solo l’ultimo esempio, ma recentemente abbiamo scoperto che anche la sua collega Anne Hathaway è in una fase di trasformazione per il suo prossimo film.

LEGGI ANCHE: Anne Hathaway si difende: “Ecco perché sto ingrassando”

Anche altre attrici, come Alicia Vikander per il nuovo film di Tomb Raider, o Alison Brie per il ruolo nella serie tv Glow, hanno dovuto prendere peso. Nel loro caso si è però trattato di doversi allenare per mettere su massa muscolare, non grassa. A differenza loro, Theron è dovuta ingrassare – stiamo dunque parlando di massa grassa – di ben 22  chili.

Charlize Theron ha dichiarato di aver preso peso per il suo prossimo film, Tully, in cui interpreta una madre sovrappeso e  stressata.

La massa muscolare si accumula con un intenso allenamento. Ma com’è che l’attrice ha incrementato il suo peso?

L’attrice ha rivelato il metodo che ha adottato per mettere su peso. In realtà è molto semplice:  a notte fonda mangiava i maccheroni con formaggio, panini e milkshakes. Mangiava durante il giorno, ma soprattutto la notte. Tuttavia, come la stessa ha dichiarato ad Entertainment Tonight, non è stato tutto rose e fiori:

“Le prime tre settimane sono sempre fantastiche perché è come se tu fossi un bambino in un negozio di caramelle. Ma dopo tre settimane, il divertimento svanisce. Ovvero, tutto d’un tratto ti stufi di mangiare la quantità richiesta e  diventa un vero e proprio lavoro. Dovevo impostare la mia sveglia per svegliarmi nel mezzo della notte. Mi svegliavo e mangiavo a forza. Mantenere quel peso è dura.” 

Theron ha poi parlato delle conseguenze che questo impegno ha avuto su di lei, e sulla sua famiglia.

“Sai, è stata un’enorme sorpresa. La depressione mi ha colpita in pieno. Per la prima volta nella mia vita stavo mangiando enormi quantità di cibo preconfezionato e stavo bevendo decisamente troppe bevande ricche di zuccheri. Non era una passeggiata starmi attorno durante le riprese di questo film.”

Inoltre, i suoi due figli, avendo visto il suo enorme cambiamento, pensavano che la madre fosse incinta.

Oltre ai problemi causati dall’aumento di peso, Charlize Theron ha avuto difficoltà anche a dimagrire.

Una volta finito il film, l’attrice ha finalmente potuto liberarsi dei 22 kg acquisiti, ma ancora una volta le cose non sono andate come sperava. Theron ha definito il processo di dimagrimento un “vero inferno”; ed è stato un percorso che è durato un anno e mezzo.

“Ero preoccupata. Ci stavo impiegando veramente tanto tempo. Quando ho trasformato il mio corpo per Monster, bastava che non facessi spuntini e andava tutto bene. Sai com’è, a 27 anni il tuo corpo è leggermente diverso da quando ne hai 43. Il mio dottore si è assicurato che ne fossi consapevole. Della serie, hai 42 anni, non stai morendo, va tutto bene.”

Tully narra di Marlo (Theron), madre di tre figli, che decide di assumere una tata notturna tramite suo fratello. La sua decisione è dovuta ai numerosi impegni domestici e al fatto che suo marito lavora tutto il giorno fuori. Inizialmente refrattaria all’idea, stringerà poi un forte legame con la tata, il cui nome è Tully.

Il film uscirà nelle sale italiane il 3 maggio 2018, e sarà vietato ad un pubblico minore di 17 anni.

Seguici anche su C’era una volta Hollywood.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *