Lolita: Kubrick e Lyne a confronto

Lolita: /lo-lì-ta/, sostantivo femminile. Adolescente il cui comportamento sia tanto precoce e provocante da ispirare un’attrazione erotica in uomini maturi.

Perché Lolita?

Lolita è il titolo del romanzo di Vladimir Vladimirovic Nabokov pubblicato nel 1955 che racconta l’amore del protagonista Humbert Humbert per una dodicenne: un amore complicato tra un uomo adulto e una bambina.

Immagine correlata

Storia che ha interessato in particolar modo due registi come Stanley Kubrick e Adrian Lyne tanto da tradurla in due film realizzati in periodi differenti e quindi in modi differenti: il primo nel 1962, il secondo nel 1997.

Vediamo alcune differenze.

Il Tempo

Partiamo dalla struttura temporale e quindi da un punto a sfavore per Kubrick.

Entrambi i film iniziano in medias res, quando tutto è già avvenuto.

Il primo, quello di Kubrick, ci presenta il protagonista Humbert arrabbiato mentre entra nella casa di Quilty; il secondo, quello di Lyne, ci presenta Humbert, con le mani insanguinate e con lo sguardo perso nel vuoto, mentre fugge in macchina.

Risultati immagini per lolita movie

Risultati immagini per lolita movie

In quest’ultimo non sappiamo che cosa sia accaduto, non sappiamo di chi sia il sangue che vediamo, ma ce lo dirá con un ampio flash back il protagonista raccontandoci la sua storia dall’incontro con Lolita fino a quel momento. Kubrick, invece, non lascia l’omicidio al dopo, non crea suspense a riguardo, ma subito ce lo fa vedere: Humbert si trova a casa di Quilty per ucciderlo, ma saranno poi le immagini, che cominciano a muoversi dal “Tre anni prima“, ad avere il compito di far capire cosa sia successo e il perché di quel gesto.

Immagine correlata

Nello svolgersi del racconto, sostenuto da un narratore interno alla storia, che è appunto il professor Humbert, i due film sono abbastanza simili fino ad arrivare al finale dove Kubrick perde un po’ di completezza: mentre Lyne riprende la scena iniziale proseguendo verso ciò che è accaduto appena dopo, Kubrick interrompe il film nel momento in cui Humbert sta cercando Quilty come per dire “Tanto quello che accade ora lo avete già visto“.

La Prossemica

Con prossemica intendiamo la distanza, e la gestione di questa distanza, tra i vari attori/personaggi. I due protagonisti di Lyne si toccano, si abbracciano esi baciano, i protagonisti di Kubrick si limitano a degli abbracci e a delle carezze. Chiaramente tutto questo potrebbe essere dovuto ai diversi periodi nei quali i film sono stati realizzati (Kubrick è stato il primo regista a rischiare di portare sul grande schermo una storia tanto scandalosa come questa) ma la sensibilità di Lyne, il suo essere così esplicito, va sicuramente a coinvolgere maggiormente lo spettatore.

Risultati immagini per lolita kubrick

Particolare, in quest’ultimo, è la scena del saluto tra i due innamorati: un ralenti e una fotografia che prestano attenzione ai minimi dettagli e al contatto fisico e passionale tra i due.

Gli Attori/Personaggi

Inimitabile Jeremy Irons nella versione di Lyne, che interpreta un personaggio profondo, carico delle sue insicurezze, della sua sensibilità e della sua dolcezza. Un personaggio che confonde lo spettatore impedendogli di provare totale sdegno nei suoi confronti ma piuttosto quasi compassione grazie anche al flash back sulla sua adolescenza e sul suo amore giovanile Annabel, che in parte “giustifica” quel che prova per Lolita.

Risultati immagini per lolita 1997 gun

Interessante è anche il personaggio di Lolita (Dominique Swain), sensuale tanto con gli occhi quanto con i gesti e parole, che alterna questo suo essere provocante al suo essere comunque una bambina.

Immagine correlata

Rispetto a questi appena descritti, i personaggi di Kubrick rimangono maggiormente in superficie: a differenza di Lyne, Kubrick lascia più spazio alle manie della madre di Lolita innamorata del professore, mentre James Mason, che interpreta Humbert, è freddo e Sue Lyon, Lolita, piuttosto indifferente.

Immagine correlata

La Musica

Un punto a favore per Lyne è anche la colonna musica: il tocco di Ennio Morricone si sente e come, azzeccato in ogni momento che accompagna, toccante ed emozionante. Mentre nel film del 62 è molto ridotta e quindi quasi impercettibile, in quello del 97 si fa sentire e va a realizzare quell’atmosfera di dolcezza e di innocenza che Lyne ha cercato in tutti i modi di far venir fuori. Kubrick è anche in questo molto duro.

Immagine correlata

Ancora più difficile di ciò che abbiamo scritto fino ad ora è fare appunti sulle differenze tecniche, perché, come già abbiamo detto, sono due film realizzati a quasi quarant’anni di distanza ma possiamo provare a sbilanciarci e dire che questo è uno dei pochi casi in cui è lecito preferire il “remake” all’”originale”, in quanto meno influenzato da un pubblico facilmente impressionabile.

Comunque è consigliata la visione di entrambi i film, che potrebbero definirsi come dei veri e propri film d’amore, un amore difficile, un amore scandaloso, che se da un lato salva lui, dall’altro imprigiona lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *